La Storia

La vita commerciale della famiglia Colussi  risale al lontano 1840 quando il capostipite APOLLONIO COLUSSI  decide di intraprendere l’attivitá di fornaio ed aprire il primo forno con annesso punto vendita nel Sestiere di S. Marco. La bontá dei suoi prodotti si esprimeva non solo nel pane ma anche nella produzione di dolci dove  la sua fantasia nell’accostare  ingredienti venne a creare  quei dolciumi che vengono ora considerati “dolci tipici veneziani”.  Ora come un tempo  apprezzati da molti palati fini di passaggio nella bella Venezia oltre che dai veneziani stessi.
La continua richiesta di prodotti ed la scomoditá dei trasporti, tipici della realtá veneziana, fanno si che il figlio Emilio apra in ogni Sestiere di Venezia un fornaio Colussi al fine di poter soddisfare maggiormente le necessitá dei cittadini e poter dare un servizio migliore e piú rapido. Negli anni ‘50 la tendenza demografica nella città lagunare si invertí  e di conseguenza gli eredi hanno gradualmente ridotto le svariate attivitá di produzione, sino ad arrivare agli attuali Gloria e Paolo Colussi Stefani che hanno riunito tutte le sedi di produzione all’interno di un grande ed unico forno, proprio al centro di Venezia nel quartiere S. Marco, che permette loro di mantenere i volumi produttivi e di raggiungere facilmente qualsiasi Sestiere veneziano. Negli ultimi anni, grazie al nuovo assetto logistico, la produzione di pane artigianale e la pasticceria  hanno avuto un notevole incremento, potenziando una distribuzione capillare in tutta la città con consegne giornaliere di prodotti appena sfornati destinati ad alberghi, ristoranti e bar, specializzandosi in produzione di pani di ogni tipo e pezzature fino a 20 grammi, per soddisfare anche le esigenze più sofisticate.
“Colussi il Fornaio” può vantare il merito di essere stato il primo panificio-pasticceria in Venezia ad aver riscoperto  i tipici e quasi abbandonati prodotti dolciari veneziani e ne sono un esempio la focaccia veneziana fatta secondo una ricetta che risale all’inizio del secolo scorso; i dolci secchi come il pan dei dogi, il pan dei pescatori; gli zaletti fatti con una parte di farina di granoturco.
Tutti questi prodotti sono realizzati utilizzando solamente prodotti naturali  ed ingredienti privi di qualsiasi additivo o conservante, offrendo una qualità che solo una produzione assolutamente artigiana può garantire.